Milano 27 Maggio 2024

«La donna ci condusse ai margini della città, in un luogo dal quale la vista, molto estesa e bellissima, abbracciava il Potala. Per tutta la strada avevo sperato di trovare a Lhasa un alloggio da dove potessi guardarlo a volontà. L’abitazione nella quale ci venne affittata una minuscola cella era una stamberga per metà crollata, adattissima ad allontanare ogni sospetto che avrebbe potuto incrinare il nostro incognito. A nessuno poteva venire l’idea di andare a cercare lì una viaggiatrice straniera, e gli straccioni del luogo ignorarono sempre chi fossi».

Alexandra a Lhasa nel 1924, a 56 anni, con il figlio adottivo Aphur Yongden, monaco tibetano (fonte: La Vanguardia)

Esattamente cento anni fa, 1924. Con queste parole Alexandra David-Neel (1868-1969) racconta il suo arrivo nella capitale del Tibet, prima donna straniera a mettere piede, contro ogni legge dell’epoca, a Lhasa, dove sarebbe rimasta due mesi. Si realizzava così, dopo otto mesi di viaggio a piedi nelle zone più impervie del Paese delle Nevi e dopo numerosi tentativi falliti, il sogno di una vita straordinaria. Una vita che, dopo quest’avventura che l’avrebbe resa celebre a livello mondiale, sarebbe durata ancora molto a lungo.
Quando giunse a Lhasa, accompagnata solo da Aphur Yongden, il figlio adottivo e monaco tibetano che aveva incontrato appena quattordicenne dieci anni prima, Louise Eugenie Alexandrine Marie David era prossima a compiere 56 anni. Tutti, fin dalla più tenera età, vissuti con una intensità straordinaria.
Nata nei dintorni di Parigi (a Saint-Mandé) da genitori per l’epoca relativamente anziani, si era trasferita con la famiglia a Bruxelles a sette anni. Una sistemazione, quella belga, che aveva tutte le premesse per l’avvio di una vita borghese e tradizionale: prima gli studi presso un severo pensionato calvinista e poi nel convento di Bois Fleuri; quindi l’ingresso in società e la presentazione a Corte al compimento dei 18 anni.

Alexandra diciottenne

E di contorno un discreto numero di ammiratori affascinati dalla sua grazia, da un naturale fascino, dalla spontanea vivacità.
Ma non è questo il mondo che Alexandra vuole. Filosofia e musica sono i suoi rifugi. Annota i pensieri della saggezza antica e vi affianca lo studio rigoroso del piano e del canto.
La sorte è dalla sua parte. Un amico del padre, Elisée Reclus, 55 anni, geografo e scrittore, si affeziona a questa diciottenne irrequieta e le apre le porte della sua biblioteca, dove molte sono le opere di geografia e di etnografia. L’Asia la incuriosisce. Reclus la stimola a prendere il volo. Prima a Londra, dove incrocia i suoi interessi con quelli di una setta orientale e impara l’inglese. Poi a Parigi, in contatto con la Società Teosofica. Studia con passione il sanscrito, mentre l’atmosfera del tempo impregnata di esoterismo e occultismo la portano a confrontarsi coi temi del senso dell’esistenza, della ricerca di un’identità autentica.
Nella capitale francese, al numero 6 di Place d’Iéna, c’è il Musée Guimet. Émile Étienne Guimet, industriale francese amante dei viaggi, era stato incaricato dal Governo francese nel 1876 di studiare a fondo le religioni dell’Estremo Oriente. Ne era nata una raccolta imponente di materiale storico e archeologico che dalla originaria sede di Lione, creata nel 1879, era poi approdata a Parigi nel 1885, dando vita a quello che era divenuto, ed è ancora oggi, uno dei più importanti musei al mondo di arte asiatica fuori dall’Asia.
La giovane Alexandra, davanti ai Buddha esposti al Musée Guimet è come fulminata. Parte. Subito. Da sola. Il Novecento non ha ancora visto la luce. Nel suo bagaglio ci sono un inglese discreto, un eccellente sanscrito e il talento per il canto. Sembra un bagaglio incongruo. Non sarà così.

Una giovane Alexandra in viaggio a Ceylon e in giro per l’India

Il primo incontro con l’Oriente è a Ceylon (oggi Sri Lanka). Ma l’incontro vero con il buddhismo, oltre ogni lettura e ogni studio, avviene in una notte di luna piena sulla vetta dello Sri Pada, il monte sacro a buddhisti, induisti, musulmani e cristiani che gli inglesi chiamano Adam’s Peak. Poi è la volta dell’India. Per Nepal, Tibet e Cina c’è ancora tempo.
Alexandra torna in Europa e scrive sotto pseudonimo i primi testi di buddhismo. Ma per vivere occorre lavorare. La sua risorsa è il canto, che continua a studiare intensamente nei conservatori di Parigi e Bruxelles. Jules Massenet apprezza la sua voce di soprano e la incoraggia. Alexandra intuisce che canto e Asia sono amori che possono trovare punti di incontro. Nel 1895 ottiene un importante ingaggio all’Opera di Hanoi. Un successo, nel giro di breve tempo i francesi di Indocina la adorano.
A Parigi, dove ritorna, avere successo è più difficile, ma qui c’è tempo per vivere un amore “libero e intenso” con il musicista Jean Haustont, interessato all’Oriente quanto lei. L’amore vero si presenterà però di lì a poco a Tunisi, dove Alexandra canta ed è direttrice artistica dell’Opera locale. Lui si chiama Philippe Neel de Saint-Sauveur, ingegnere capo delle ferrovie: bello, affascinante, occhi azzurri, grandi baffi, tombeur de femme, di sette anni più grande di lei. Si sposano il 4 aprile 1904 al Consolato di Francia a Tunisi.

Alexandra con Neel de Saint-Sauveur, l’ingegnere delle ferrovie che sposò a Tunisi nel 1904 (fonte: rtbf.be)

L’attività di Alexandra è frenetica. Le opere e gli studi sul buddhismo si moltiplicano. Poi, nel 1911, inizia l’epoca dei grandi viaggi. Il 9 agosto 1911 si imbarca sul piroscafo Città di Napoli diretta nuovamente a Ceylon per poi passare in India. Philippe non immagina che rivedrà la moglie solo quattordici anni dopo, nel gennaio 1925, e che quella donna, divenuta monaca buddhista rispettata in tutto l’Oriente, tornerà per conquistare il pubblico europeo e americano dopo avere conquistato Lhasa.

La casa museo di Alexandra a Digne-les-Bains in alta Provenza

In questi mesi, per celebrare Alexandra e i cento anni da quella impresa la sua splendida casa-museo a Digne-les-Bains, piccolo centro termale dell’Alta Provenza, ospita mostre e iniziative in suo onore. Dopo il 1924 e fino al 1969, anno della sua morte a 101 anni, si ricordano in queste sale altri decenni di viaggi, di studi e di opere che questa indomabile donna e raffinata orientalista ha lasciato in eredità. Un’eredità di cultura e spiritualità unica, affascinante e travolgente come la sua autrice.
L’8 settembre 1969 le ceneri di Louise Eugenie Alexandrine Marie David-Neel sono state disperse, come lei stessa desiderava, a Varanasi/Benares, nelle acque del Gange.

Immagine di apertura: il Palazzo del Potala a Lhasa in Tibet, residenza storica del Dhalai Lama, oggi trasformato in museo. Nel 1959, in seguito all’invasione cinese, il 14esimo Dhalai Lama fuggì in India (foto di Jerry)

Nato d Milano nel 1950, giornalista professionista, dopo gli studi in Scienze politiche all’Università Statale di Milano e il Master in giornalismo presso il Centro Sperimentale di Giornalismo del capoluogo lombardo, ha lavorato per giornali e periodici prima in Svizzera e, successivamente, nel Gruppo RCS-Corriere della Sera, occupandosi in particolare di economia e finanza. Per le Case editrici Mursia ("Scarabeo"), Xenia ("Il grande manuale dei Giochi da tavolo") e Fabbri ("Il grande libro dei Giochi") ha realizzato nel corso degli Anni Ottanta opere dedicate al mondo ludico e della creatività. Con Mondadori ha pubblicato il romanzo "Il bocconiano" (Oscar Originals, 1989) e, con altri autori, "27 Racconti metropolitani" (Oscar Originals, 1990). Del 2006, per Marea Editore, è "Pentadramma", ricerca per una partitura del testo letterario, raccolta di racconti realizzati con un innovativo sistema di scrittura analogica. Sempre del 2006 è il libro-reportage "Helmut Newton & Pirelli – Storia di un calendario censurato" (Autocircuito Editore). Del 2013 sono i romanzi "I giorni di Karen" e "Nel nome del Padre" (GiEmme Editore). Tra il 2022 e il 2023, sempre per GiEmme Editore, ha pubblicato "Il Vangelo di Giuseppe", giunto alla seconda edizione; "Giochi di Guerra-Poker, Scacchi, Wei-c’hi e la geopolitica di Usa, Russia e Cina"," The Second Crown, il ritorno di Diana"; "Buggy Brain e il mistero dell’Astronomia genetica". È conservatore dell’Archivio delle opere di Hans Joachim Khotstater

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.