Milano 27 Gennaio 2024

Quali e quante armi furono usate in via Fani, il 16 marzo 1978? A quanto ammontò il totale dei proiettili sparati? Chi erano davvero i brigatisti presenti sulla scena del sequestro? Quale fu la rete di intelligence che agevolò la filiera terroristica culminante nel delitto Moro? Perché Moro non fu liberato? E che fine fece il suo memoriale, steso durante la prigionia? Non a tutte queste domande è stata data risposta.

La copertina di “The Masquerade” di Roberto Valtolina e Maurizio Fiorentini, edito da Frascati & Serradifalco

C’è ancora una parte buia della storia, dicono le sentenze. Ma c’è chi, in queste tenebre, continua a cercare.
The Masquerade è il libro che si avventura in quelle e altre domande, in una visuale inedita del sanguinoso decennio 1970/80. Uscito da pochi mesi ed edito da Frascati & Serradifalco, l’inchiesta pone sotto la lente d’ingrandimento l’arco temporale che dall’incubazione del terrorismo rosso sfocia nel delitto Moro, i cui strascichi costituiscono l’incipit di una trama che si srotola temporalmente a ritroso. Il libro è stato scritto a quattro mani da Maurizio Fiorentini e Roberto Valtolina. Fiorentini, classe ’58, è stato responsabile del Collettivo Volsci di Autonomia Operaia romana. Ha vissuto in trincea quegli anni, a stretto contatto con terroristi rossi e neri; Valtolina, classe ‘87, è un giornalista di inchiesta e specialista di archivi, che ha contribuito con un accurato lavoro di scavo e di scrittura.
Gli autori calano il significato politico del delitto Moro nella cornice internazionale di Yalta. Gli equilibri sanciti nel 1945 costituiscono la stella polare del libro e si intrecciano con le vicende del terrorismo italiano di estrema sinistra. Il delitto Moro è frutto di quegli accordi, ergo fu innanzitutto una vicenda internazionale.

La conferenza di Yalta nel febbraio del 1945. Da sinistra, Churchill, Roosevelt e Stalin

E il “partito della fermezza” che nacque durante i 55 giorni – un unicum senza precedenti né continuatori – aveva un obiettivo ben preciso: preservare il bipolarismo di Yalta, come scrisse nel 2018 il socialista Rino Formica in una lettera inviata a Gero Grassi – membro della Commissione d’inchiesta sul rapimento di via Fani -, che gli autori pubblicano a chiusura del libro. Il prologo del quale si apre con il principe dei socialisti italiani: Bettino Craxi. Il leader Psi avrebbe avuto molto da dire sul caso Moro alla Commissione stragi che voleva interrogarlo pochi anni prima che morisse; ma la visita venne bloccata ben due volte da strani intoppi procedurali.

Bettino Craxi nella sua casa a Hammamet, in Tunisia, nel 1999 (foto di Claudio Moschin, fonte: la Voce di New York)

Il leader del Psi spedì due lettere – nell’autunno del 1993, poco prima di fuggire per sempre ad Hammamet – ai vertici dello Stato italiano: a Giovanni Spadolini e a Giorgio Napolitano, rispettivamente presidente della Camera e del Senato. In quelle missive Craxi denunciò, inascoltato, il filo rosso che legò gli apparati dell’Est, una corrente del Pci e i terroristi rossi.
Eppure, le date, le circostanze e i nomi che Craxi indicò con precisione rievocavano l’incubatore del terrorismo di estrema sinistra: Giangiacomo Feltrinelli, l’editore miliardario morto a Segrate, il 14 marzo 1972. Gli autori illustrano come l’editore fosse acerrimo nemico dell’embrionale compromesso storico che Aldo Moro ed Enrico Berlinguer cominciarono a tessere a cavallo fra il decennio ‘60 e ‘70. Da Osvaldo – così si faceva chiamare – trassero la linfa vitale Potere Operaio, il nucleo brigatista confluito in Hyperion, e il Soccorso Rosso internazionale. Fu proprio a un segmento di questa struttura che fecero ricorso tre brigatisti genovesi, dileguatisi nel nulla in modo solo apparentemente inspiegabile due anni dopo l’epilogo del rapimento Moro: Livio Baistrocchi, Lorenzo Carpi e Gaetano Scarfò. In via Fani furono probabilmente coinvolti Baistrocchi e Carpi. Il primo era un killer efferato e implacabile, il secondo un bravissimo autista: i più adatti per operare in via Fani. La colonna genovese era la più apprezzata da Moretti proprio per le sue capacità operative.

La foto storica del ritrovamento del corpo di Aldo Moro il 9 maggio del 1978 in una Renault 4 in via Michelangelo Caetani

Il libro prova inconfutabilmente la presenza, a Roma, di esponenti di questa colonna durante i cinquantacinque giorni, tra cui Fulvia Miglietta. La brigatista genovese riferì al pubblico ministero Luigi Carli di aver saputo, in una riunione romana del sodalizio, che Moro era stato tenuto prigioniero vicino a via Caetani, il luogo dove fu abbandonato il suo cadavere. A Genova si nascondeva una parte del memoriale Moro, trovata dai carabinieri che irruppero nel covo Br di via Fracchia, il 28 marzo 1980. Il Procuratore genovese Antonio Squadrito ammise che decine di cartelle morotee furono rinvenute lì. Dunque, l’ostaggio del rapimento era doppio: oltre allo statista democristiano, anche la documentazione “sensibile” – il memoriale completo – in mano alle Br.
Il clamoroso inedito svelato dal libro si trova in un verbale della Questura di Roma redatto dopo la perquisizione del covo Br di via Gradoli, attuata il 18 aprile 1978. In pieno sequestro Moro e il giorno prima del rientro di Napolitano dal misterioso viaggio negli Usa, gli agenti romani trovano un distintivo militare della Nato, incredibilmente ignorato da cinque processi Moro, da due commissioni parlamentari, dai vertici dei Servizi segreti dell’epoca, dall’Interpol, dalla Questura di Roma, dalle Commissioni parlamentari Pellegrino, P2 e Mitrokhin.

Il distintivo NATO trovato in via Gradoli il 18 aprile del 1978

Con cautela, gli autori non sposano una tesi assertiva sul motivo per cui i brigatisti conservassero tale reperto; ma colgono l’occasione per porre sotto i riflettori due statunitensi che la morologia ha tenuto, finora, in ombra: Alexander Haig, Supreme Allied Commander Europe tra il 1974 e il 1979, e Michael Ledeen, intellettuale in contatto con Haig che – per conto della Nato – piantò le tende al Ministero degli Interni retto da Francesco Cossiga durante i 55 giorni. Pieczenik e Ledeen: due facce della stessa medaglia: il primo doveva disinformare e depistare il versante italiano, Ledeen quello estero. The Masquerade sostanzia le parole del sostituto procuratore generale presso la Corte d’Appello di Roma Otello Lupacchini: «Nei fatti è dimostrata la presenza di altre persone durante il rapimento di Moro».
Indagare nel delitto Moro e nelle trame, cercare la verità oltre le risultanze processuali significa dar conto di cosa sia davvero avvenuto in Italia in quei decenni cruciali, la cui ombra si allunga fino a oggi.

Immagine di apertura: Enrico Berlinguer e Aldo Moro a Roma nel 1977

Nato a Padova, laureato in Scienze Politiche, dopo una borsa di studio all’Università di Berkeley, California, (1986/87) e il Dottorato di ricerca in Relazioni Internazionali nel 1989, è stato Assistente universitario di Relazioni Internazioni alle università di Padova, Milano e Bologna, dal 1984 al 1991. Giornalista professionista dal 1994, ha lavorato a "L’Arena di Verona", "Bresciaoggi", "Corriere di Brescia", e nel 1998 a CNN Financial News, New York. Attualmente è caposervizio Interni/Grandi Cronache al "Corriere della Sera". Giornalista di inchiesta, ha scritto "Poteri forti" (Rizzoli 2005), "Opus Dei segreta" (Rizzoli, 2006), "Fratelli d'Italia "(Rizzoli, 2007), "Olocausto bianco", (Rizzoli, 2008), "La società del sapere" (Rizzoli, 2008)," Colletti Sporchi" (con il magistrato Luca Tescaroli, Rizzoli 2008), "L'unto del signore" (con Udo Gümpel, Rizzoli, 2009), "La lobby di Dio. Fede, affari e politica. La prima inchiesta su Comunione e liberazione e la Compagnia delle opere" (Chiarelettere, 2010), "Non voglio il silenzio - Il romanzo delle stragi" (con Patrick Fogli, Piemme, 2011), "Wojtyla Segreto" (con Giacomo Galeazzi, Chiarelettere, 2011), "Vaticano massone" (con Giacomo Galeazzi, Piemme, 2013), "I panni sporchi della sinistra" (con Stefano Santachiara, Chiarelettere, 2013). Nel 2021 ha pubblicato "Potere massonico" (Chiarelettere) e "La Setta Divina" (Piemme). Nel 2022 , "Untold, la vera storia di Giangiacomo Feltrinelli" (Round Robin), nel 2023 "La ragazza che sapeva troppo" con Giancarlo Capaldo e "Attacco allo Stato", entrambi per Solferino. Molti dei suoi libri sono tradotti all’estero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.