Gli italiani? Popolo di risparmiatori. Nel mondo ci giochiamo con i giapponesi la supremazia mondiale nella classifica di chi accantona di più. È un primato che resiste nel tempo. Soltanto negli anni immediatamente successivi alla crisi degli anni 2011-2012 si era registrato un leggero rallentamento. Ma già a partire dal 2017, come ha rilevato uno studio condotto da Banca d’Italia e Istat nel maggio di quest’anno, la ricchezza privata è ritornata a crescere.

Le cifre contenute nella ricerca sono eloquenti. Le famiglie italiane a fine 2017 disponevano complessivamente di 9.743 miliardi di euro, un livello che vale ben otto volte il reddito disponibile delle stesse famiglie. Come dire che nel tempo è stato accantonato molto più di quanto si è speso in consumi. Ovviamente, come in tutte le statistiche, si tratta di valori medi. Ciò non toglie che il fenomeno esista e che vada analizzato.

Premesso che le abitazioni rappresentano la principale forma di investimento delle famiglie (per 5.246 miliardi di euro, più della metà della ricchezza lorda), dove vanno a finire i risparmi degli italiani? Se togliamo il valore delle case, magari diminuito delle rate di mutuo ancora da pagare e delle altre passività (che sono inferiori, rispetto agli altri Paesi industrializzati, in rapporto al reddito), resta una cifra che supera ampiamente i 4.000 miliardi di euro.

Sempre secondo lo studio Bankitalia-Istat, la somma delle attività esclusivamente finanziarie (vale a dire i conti correnti bancari e le varie forme di investimento, dai buoni postali ai fondi comuni, dalle azioni alle obbligazioni) arrivava a fine 2017 a ben 4.374 miliardi di euro, in crescita rispetto all’anno precedente. La loro incidenza sulla ricchezza netta complessiva, precisano i ricercatori, “è risultata tuttavia inferiore a quella registrata in altre economie”. Come dire che gli italiani continuano sì a creare risparmio, ma non lo investono nelle attività produttive. Significativo è in proposito il dato relativo ai capitali depositati sui conti correnti. In questo caso è l’Abi, l’associazione delle banche, a quantificarli in 1.400 miliardi di euro a fine 2017, saliti a 1.500 nel 2018.

Che cosa spinge gli italiani a tenere immobilizzata una somma di denaro così alta (oltre tutto non remunerata)? Un eccesso di prudenza. O, se vogliamo, una carenza di fiducia. E qui dovrebbe essere la politica a intervenire. Ma questa è un’altra storia.

Immagine d’apertura: foto di Nattanan Kanchanaprat

Nato a Rivanazzano Terme (Pavia) è giornalista professionista dal 1977. Per quasi trent'anni alla redazione Economia del "Corriere della Sera", è tuttora titolare della rubrica quotidiana sulla Borsa Valori. Prima di approdare nel 1986 a via Solferino, è stato Caporedattore a "Il Mondo" e in precedenza ha lavorato al "Sole24ore" e alla "Gazzetta del Popolo" di Torino. Tra i suoi libri, "Guida facile alla Borsa", Sperling & Kupfer (tre edizioni, l'ultima nel 2000) e "Meno Agnelli, più Fiat, cronaca di un cambiamento", Daniela Piazza Editore, 2010.Nel 2019 per Mind Edizioni è uscito il suo ultimo libro, "Difendi i tuoi soldi. Capire prima di investire".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.